Sempre un ultimo

Sempre un ultimo

 

È strazio di topazio,

l’ultimo orizzonte di fronte.

Sfuma irrisorio, quasi provvisorio

inerte di fumi, d’ansia vivente.

Coagula un giorno, un anno

senza danno né ritorno.

 

Smalto del riso sul mio viso

–                                    in risalto,

dubbi dal cuore come d’ogni dì

–                                          a venire.

 

– – –
31/12/’03

Chiappanuvoli