La mia casa dentro un pugno di note dei Sigur Ros

Secoli che non fossero loro a suonare esattamente le emozioni che mi stridono dentro. Secoli. Potrei dire che ero quasi un altro essere umano. Un’altra mistura umana calata dentro la stessa formina. Proprio questa canzone perché non ha parole, è cantata in hopelandic o in vonlenska se preferite l’islandese. Le parole oggi non mi servono quasi a nulla. Hanno un’utilità ma non si tratta effettivamente di uso, quanto di effetto. Oggi le parole riescono solo ad incasinare quel substrato di emozioni che vi dicevo prima. Questa canzone perché è ed è sempre stata per me un grido accorato, un grido anche taciuto. Un salire o un discendere, sì, un discendere verso le viscere. Le tue viscere. Le distorsioni delle chitarre ti guidano attraverso le budella, i violini sono l’eco che fa lo stomaco vuoto, il tuo cuore diventa il mix di rullante e grancassa.

Ad un certo punto, però, sembra che dica “don’t you, don’t you”. Non lo dice in realtà, ma quel barlume di senso ti prende in gola, ti strozza, ti sfiata, ti fa digrignare i denti, ti fa scoppiare gli occhi di sangue e continua ancora e ancora e ancora, mentre la musica aumenta e tu vorresti scendere, ma poi ci pensi un attimo e dici: “cazzo se scendo ora sarà stato tutto inutile”; e allora continui, cavalchi, vomiti, ti lasci trasportare nell’abisso, l’abisso più assoluto, quello dentro di te. E dopo è il Caos. L’abisso. Dopo. In fondo. Laggiù. Vicino il punto più disperso di te stesso. L’abisso diventa casa. Non so se potete capire, non si tratta di capire in effetti, si tratta di sentire, di accettare, accettarsi. Casa. Il caos diventa casa. E dallo stomaco prende a risalire una sensazione di caldo che ti assorbe. È casa. E non serve più che io scriva altro.

Untitled #8 – Sigur Ros, la mia casa.

Chiappanuvoli

Annunci

7 risposte a “La mia casa dentro un pugno di note dei Sigur Ros

  1. l’ho sentita nelle viscere… fino a quel “don’t you”, ripetuto e non detto
    che sarà mai poi ciò che è detto se non è di parole la circonferenza dello spazio, inscatolato, oppresso, funzionale quantomeno, che ci costruiamo per poi vederlo sgretolare?
    Come un battito di cuore, o solo un mortale silenzio nei timpani, come quando soprassali perché l’hai sentito e lo puoi giurare quell’urlo disperato, eppure eri convinto di dormire, dormire, dormire.
    Perché non sappiamo più dormire?
    [devi correggere due “di” in “ti” – ti sfiata, ti fa digrignare -]
    qui continuiamo a tatuare cifre cifre e numeri.
    buonanotte Alessandro.

    • Ti ringrazio per la segnalazione.
      Che dire? Il sentire, ormai, fa quasi paura. Il corpo è diventata una macchina ed il cuore un peso ingombrante.
      Abbiamo da ri-generare, e ri-generarci, quasi da capo.

      A presto.

  2. E la musica divina quella vera cosi pura ke entra nel tuo spirito e ti solleva dalla terra…Sigur Ros x me significa amore eterno…incisi nella mia mente e sarà così x sempre…Vi adoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...