10 motivi per cui Franco Gabrielli ha ragione

Alla luce delle dichiarazioni rilasciate dal Capo della Protezione Civile e ex Prefetto della città dell’Aquila, ossia che gli Emiliani hanno reagito meglio al terremoto rispetto agli Aquilani, mi sento di affermare, con orgoglio per il nostro e sdegno per i tanti sciocchi Aquilani, che Franco Gabrielli ha ragione per almeno 10 motivi:

1. Abbiamo permesso ad un nano cialtrone di venire a fare i suoi porci comodi sul nostro territorio (certo in condivisione con 70 milioni di Italiani…).

2. Abbiamo permesso alla Protezione Civile, alle Chiesa Cattolica, alle varie Regioni, Comuni, Enti, Associazioni, Province di venire a fare i loro porci comodi sul nostro territorio (con le dovute eccezioni sia chiaro…).

3. Abbiamo permesso alle “cricche” dell’amico Bertolaso di venire a fare i loro porci comodi sul nostro territorio (non era certo il futuro Capo della Protezione Civile che poteva vigilare sull’operato della Protezione Civile…).

4. Abbiamo permesso a una banda di sciacalli, chiamati giornalisti, di venire a speculare sulla catastrofe che ci ha colpito (cosa avvenuta anche in Emilia ma li erano preparati, forse grazie alla nostra esperienza, ad accoglierli).

5. Abbiamo permesso a una banda di sciacalli, questa volta autentici sciacalli, di svuotare tutte le nostre case più e più volte, aggiungendo il trauma dello stupro dell’intimità al trauma del terremoto (chi doveva controllare?).

6. Abbiamo permesso a una massa di incompetenti locali di arrogarsi il diritto di scegliere per noi, per il nostro futuro, con il risultato di ritrovarci senza futuro e senza alcuna idea di ricostruzione.

7. Abbiamo permesso che costruissero le 19 New Town e in più altri svariati insediamenti detti MAP sul territorio con questi risultati: 2.700 euro a metro quadro (per le C.a.s.e.), pare a un prezzo maggiorato di 4 volte rispetto agli stessi edifici costruiti a Varese, dissuasori sismici non omologati, edifici che cadono a pezzi dopo soli tre anni, nessun servizio per la popolazione, disgregazione sociale e un giro d’affari mostruoso per i soliti loschi figuri (chi doveva controllare anche qui?).

8. Siamo andati in giro con le carriole, prendendoci anche delle denunce firmate proprio dal nostro, a fare i salvatori della Patria, quelli che risolvevano tutto da soli, senza, in realtà, ottenere un “benemerito”. Perché con quelle pale e quelle carriole non siamo andati a rimuovere le uniche “macerie” o “materiali di scarto” che impediscono davvero la nostra ricostruzione?

9. Abbiamo protestato in mille modi e ci abbiamo pure preso mazzate e altre denunce. Siamo arrivati persino a Roma, davanti al Parlamento, senza che ci venisse minimamente in mente di fare ancora un altro passo: entrare nelle stanze del Potere e rivoltare una volta per tutte questo schifo di Paese infame.

10. Ci siamo resi ridicoli agli occhi degli altri Italiani, ci siamo fatti chiamare “ingrati”, ci siamo umiliati per quel che pensavamo di spettasse. Eppure all’inizio, ricordate, “che popolo dignitoso!” – ci dicevano – “Quanta dignità in un momento di dolore così grande!”. All’inizio ci rispettavano. All’inizio ci dicevano che eravamo bravi, bravi terremotati, forse persino più bravi degli altri terremotati. All’inizio, poi abbiamo rovinato tutto. Eravamo bravi solo all’inizio, quando ci leccavano ben bene il culo per imbonirci in attesa del momento della supposta di merda che stavano per insaccarsi nel culo!

Gabrielli ha ragione, per almeno 10 ragioni siamo dei coglioni. Per almeno 10 ragioni gli Emiliani sono meglio di noi. Almeno, questo bruciore che oggi sento riaccendersi all’improvviso, non è stato vano. Emiliani, attenzione alle spalle.

16/10/2012

Chiappanuvoli

Annunci

61 risposte a “10 motivi per cui Franco Gabrielli ha ragione

  1. mi spieghi come avresti “gestito” il dopo terremoto? io sono stato a L Aquila e non ho visto tutto questo “disastro” anzi ti dirò che le case sono belle addirittura con pannelli fotovoltaici, spiegami pure come mai quel stupendo aereoporto non funzione e come mai la mitica giunta cialente non fa nulla .

    • Appunto tu sei stato all’Aquila e hai visto uno specchietto per le allodole, noi ci viviamo, le case cadono a pezzi e sono costate uno sproposito, per far arricchire gli amici del Nano, l’Aeroporto a l’Aquila è inutile, non l’abbiamo chiesto noi, anche li c’è stato chi ci ha speculato, ( vedi sempre il nano con il G8). Si poteva agire spendendo meno, costruendo veramente alloggi provvisori più economici e partire subito con la ricostruzione pesante, ecc ecc ecc.. Ma questo è il solito dibattito tra chi parla per parlare e chi vive la realtà dall’interno.

  2. SONO CONVINTO CHE LA VOSTRA STUPENDA CITTA SE GESTITA IN MANIERA INTELLIGENTE COME DEL RESTO TUTTO L ABRUZZO AVREBBE UNA POTENZIALITA’ DI BUSINESS DA PAURA ….E SOLO QUESTIONE DI UOMINI DI IDEE E VOLONTA’.

  3. Mauro tu sei stato all’Aquila e mi fa molto piacere. Io, invece, io sono L’Aquila.
    È come dire, stuprare è una cosa brutta, non si fa. Però è solo dal mio culo che esce sangue. Grazie per avermi commentato.

  4. 1. Abbiamo permesso ad un nano cialtrone di venire a fare i suoi porci comodi sul nostro territorio (certo in condivisione con 70 milioni di Italiani…).
    Posso essere anche d’accordo ma bisogna decidersi, altrimenti è troppo facile…(ti riempio di foto del sindaco Cialente e Pezzopane -la nana che ora accusa il nano e piange i morti come file rouge della sua azione politica- che si abbracciano e si sbracciano a tutte le inaugurazioni di new town e affini con i vari Bertolaso, Berlusconi e Gabrielli…)

    2. Abbiamo permesso alla Protezione Civile, alle Chiesa Cattolica, alle varie Regioni, Comuni, ecc. ecc.
    In parte vale l’osservazione al punto 1 in parte sei il solito aquilano che si lamenta di tutto e non gli sta mai bene nulla facendo fare la figura di merda che fanno solitamente gli aquilani quando qualcuno cerca di dargli una mano…

    3. Abbiamo permesso alle cricche di Bertolaso di venire a fare i loro porci comodi sul nostro territorio
    Vedo che insisti, mi sa tanto che tu non sei riuscito a fare i tuoi porci comodi se tre punti della tua arringa difensiva sono così ossessivamente ripetitivi

    4. Abbiamo permesso a una banda di sciacalli, chiamati giornalisti, di venire a speculare sulla catastrofe
    Come vedi, ti ripeti…

    5. Abbiamo permesso a una banda di sciacalli, questa volta autentici sciacalli, di svuotare tutte le nostre case
    Qui proprio non sai più a cosa attaccarti . Potrei parlarti dei circa mille aquilani denunciati dalla GdF per aver “sciacallato” su quei tanto vetuperati alloggi C.A.S.E

    6. Abbiamo permesso a una massa di incompetenti locali di arrogarsi il diritto di scegliere per noi,…
    Abbiamo permesso perché, purtroppo, li abbiamo votati e rivotati un anno fa…
    Capisco che nel tuo regno immaginario, dove L’Aquila torna a volare, dove gli oppressi vincono sugli oppressori, tu da solo non avresti permesso tutto ciò. Ma anche a L’Aquila vigono ancora le regole della democrazia… Anche quando non ci piacciono i risultati

    7. Abbiamo permesso che costruissero le 19 New Town…
    Lo ha permesso soprattutto il Sindaco Cialente, il resto è fuffa… Le società che hanno costruito le CASE sono quasi tutte fallite.

    8. Siamo andati in giro con le carriole…
    Uno dei rari casi in cui gli aquilani hanno dimostrato di non essere solo dei quaquaraqua. Uno dei rari se non unico caso…

    9. Abbiamo protestato in mille modi …
    Ed ognuno per un motivo opposto e contrario a quello degli altri. Ognuno a pensare a proprio culo e ai propri piccoli interessi. Altrimenti i risultati sarebbero stati ben diversi. Questo intendeva Gabrielli.

    10. Ci siamo resi ridicoli agli occhi degli altri Italiani…
    MA non erano gli aquilani che chiedevano di “non spegnere i riflettori”??? Se poi la recita ha fatto schifo non è colpa di chi ha effettuato le riprese…

    • 1. Mai difeso i politici aquilani.
      2. Non c’entra nulla quello che scrivi. Intendo dire che si è permesso (quindi noi, noi politici locali e noi cittadini, che venissero a fare i loro affari senza saper ribattere. Non mi pare di non essere grato, invece, con chi ha fatto tanto.
      3. Che ti devo dire? Ritengo che le responsabilità siano loro, per aver speculato, e nostre, per averglielo permesso (se non contribuito attivamente..)
      4. Come vedi continui a non capire…
      5. Mai sostenuto che gli aquilani siano santi, infatti tutto l’articolo è volto a far riflettere noi aquilani sul nostro “operato”… mille? Fai pure i nomi, magari!
      6. Qui mi tocchi sul personale e non ti devi permettere. Mai scritto che “L’Aquila tornerà a volare” ma se, per ignoranza tua, vuoi accomunarmi a tutta la massa, fai pure. E affar tuo, io continuo a sostenere la mia linea. Che certo non riesci a capire.
      7. Infatti, non l’abbiamo permesso, noi e Cialente, ma sei duro di comprendonio? Se le Aziende non sono state pagate, chiedete a chi ha proposto il progetto New Town, zio bello Berlù.
      8. Amen.
      9. Prima si disgrega una comunità e poi si critica perché è disgregata. Nel regno del “si salvi chi può” forse è anche comprensibile. Certo è che intendo dire che anche in questo c’è la nostra responsabilità. Sai leggere? Poi Gabrielli non si deve permettere, perché la disgregazione, in parte, l’ha portata anche lui.
      10. Qui sei offensivo nei riguardi di tutta la mia città. Il messaggio è un altro, ma anche questo non l’hai capito. Che posso dire? Impariamo a leggere e poi critichiamo il punto. Fatto sta che oggi il teatrino è in Emilia e le lusinghe servono solo alle speculazioni e allo sciacallaggio, di qualsiasi tipo. Troppo complicato da capirsi?

      grazie per il tuo commento.

  5. TryAgain, sono con te!!!….chi è causa del suo mal …pianga se stesso…..caro Cialente e sudditi!!!!!…..
    ANCORA A INVENTARE DELLE VERGOGNOSE MENZOGNE …..PER NON AMMETTERE LO SCHIFO CHE HANNO COMBINATO A NS DANNI……HANNO BOICOTTATO IN TUTTI I MODI E CON TUTTE LE FORZE, BERLUSCONI (TROPPO PERICOLOSO X IL PD)….CHE ERA L’UNICO AD AVERE IL POTERE, LA VOLONTA’, L’ORGANIZZAZIONE , L’ESPERIENZA …..LA STRUTTURA … PER AIUTARCI…..E PER FARCI DIVENTARE L’OMBELLICO DEL MONDO …….ADESSO SIAMO l’ANO…….GRAZIE A BERSANI E A TUTTO IL PD!!!

    E’ stato ospite all’inaugurazione del nuovo auditorium…BENIGNI (quello che si rimangia le beneficenze. …..insieme a napolitano (piste ciclabili(!!!!) e no new town (!!!!!)………..compagni di merenda del PD….QUINDI UN MINI FESTIVAL DELL’UNITA’!!!! E V V I V A A A A A A AA !!!! G R A N D I IIIIII……..URGE STENDERE UN VELO,MACCHE’ VELO,UNA BETONIERA DI CEMENTO …SU TUTTO STO SCHIFO…..!!!!

    …….E VORREI SAPERE XCHE’ NESSUNO PARLA DEI NS SPECULATORI DI CASA ……CHE HANNO BENEFICIATO DEL TERREMOTO ….SCIACALLANDO, EDIFICANDO DOVE ERANO DA ANNI BLOCCATIE AFFITTANDO AI COMMERCIANTI AQUILANI DEL CENTRO… A PREZZI ALLUCINANTI….E SENZA LE DOVUTE LICENZE…………(A QS PUNTO… IL COMUNE POTEVA ESPROPRIARE,COME HA FATTO CON LE TERRE …E DARE LUI IN AFFITTO….!!!!!!) .E OLTRETUTTO AFFITTANDO (QS DA ANNI) ALLO STESSO COMUNE……QUANDO INVECE, LO STESSO, POTEVA BENISSIMO STARE NEGLI STABILI DI PROPRIETA’ DELLO STATO…..RISPARMIANDO MOLTISSIMI SOLDI…O NO????????………BLA BLA BLA…..MA I FATTI VERI….NESSUNO LI VUOLE DIRE!!!!!!!! SONO MOLTO INCA@@ATA!!!!!!!!!!!!!!

    • Caspita…Berlusconi aveva la struttura…il potere…poteva persino bonificarci come fece a Latina…o era un altro nano?….
      Però sul PD hai ragione, è così.
      Insomma, poi rispondo anche a te.

  6. …..si mio caro…..Berlusconi poteva e avrebbe fatto moltissimo x la ns città….e ti assicuro che avrebbe fatto meraviglie …come sa fare lui… su tutto……ma è davvero x voi molto difficile vedere la realtà……vi hanno messo sugli occhi non il prosciutto …ma l’intera salumeria……dopo il terremoto…abbiamo avuto una seconda disgrazia forse…. molto più dannosa della prima …….il PD…che ci ha tolto la possibilità di splendere e in poco tempo……continuate a non vedere con i vs occhi…..a dire infamie …..ma la cacca sotto la neve …..prima o poi torna alla luce…….e la vergogna e l’amarezza è tutto quello che ci rimane……adesso andate a chiedere l’elemosina…..a chiedere quello che avevamo senza dover chiedere….prendete le carriole e girate roma!!!…ah mi raccomando …continate a frignare!!!!

    • Sul tuo caro amico Berlusconi ti risponderà la storia. Non credo valga la pena di aggiungere altro.
      Che ci siano responsabilità locali è innegabile. L’ho sempre detto e qui al punto 6 l’ho ribadito.
      Se ti vuoi perdere dietro le bandierine, PD o PDL, fai pure, non è affar mio. Io tengo per la mia città.

    • A me non frega niente di destra o sinistra, ma tu continua pure a sognare, un giorno lo sentirai anche tu quel bottoncino che ti preme da dietro e ti accorgerai di come il tuo “Dio” te lo ha messo nel c…..

      • ahahahah…..non sogno…. ed è molto evidente già da oggi…. chi ve lo sta mettendo …i vs DEI….!!!.è tutto molto chiaro e cristallino….mio caro anonimo!!!

  7. “e ti assicuro che avrebbe fatto meraviglie” sto ancora a ride…..
    emybio64 mi spieghi come ce lo assicuri? Sei stato in un futuro ipotetico e sei tornato?
    Tornando all’argomento… l’articolo cerca di analizzare il problema senza schemi e bandiere, i commenti qui sopra invece sono quelli classici del popolino che segue il suo partito come la sua squadra di calcio e ripete sempre le stesse cose

  8. OSSERVO LUI ..E OSSERVO VOI!!!!!!! ….RIDI RIDI CHE MAMMA HA FATTO GLI GNOCCHI …A GNOCCOLONI ….NON SAPETE FARE ALTRO CRITICARE INFAMARE E CHIUDERE COSTANTEMENTE GLI OCCHI SU CHI VERAMENTE SPADRONEGGIA…..A NS IMMENSI DANNI….FATE FATE!!

    • Anche se sei anonimo, da quello che scrivi e dal modo in cui scrivi (ndr sul web scrivere tutto maiuscolo equivale ad urlare) dovresti essere emybio64… Quindi tu dici “OSSERVO LUI ..E OSSERVO VOI!!!!!!!” ecco appunto… inizia a osservare un po’ di meno gli altri e pensa con la tua testa

      • …certo che sono emybio64…….non era certo mia intenzione essere anonima…..ma qui …a parte non pubblicare molte mie risposte(del tutto prive di volgarità)…fanno quello che gli pare ……e ti garantisco mio caro CHE PENSO E AGISCO SEMPRE CON LA MIA TESTA …..da sempre…..comunque quello che penso e di cui sono convinta L’ho detto …!!!un ultima …cosa …un proverbio ….dare le perle ai porci!!! STOP..e .non perdo altro tempo !!

  9. Che strani esseri “umani” si aggirano sul blog.. La ragazza incazzata, e “provacinantravorta” con rispetto per le idee altrui scherzano, vero? Gù?!

    Quindi (e già lo sapevo) la propaganda del nano ha funzionato? Basta far vedere case nuove, new towns, applausi pagati, barze oscene, accontentare una certa percentuale di persone (5%, 10%?) ed il gioco è fatto? Con i soldi di tutti però.. Il problema e che ci mettono uno contro l’altro, per tutto.. Panda vs SUV, PDL o PDmenoL, lavoratori a tempo determinato vs lavoratori ad orologeria, Abruzzo vs Emilia.. e lo fanno tutti giorni, dandoci informazioni guidate, i nostri gusti sono guidati, le nostre opinioni sono TELEcomandate..
    L’unico modo per uscirne è informarsi seriamente, parlare con tutte le parti, ascoltare tutte le voci, ed abbandonare almeno per un po’ le teorie preconcette che ci annebbiano la mente e il cuore.
    Quindi riprovate a leggere l’articolo, informatevi sulle leggi che il caro B. con il benestare dell’altro B. all’opposizione hanno fatto.. Ce n’è una, dico una veramente a favore del popolo (sovrano)?

    E per favore giovani, buttate la tv…o come dice Bergonzoni: “Si può guardare la TV, ma non accenderla”.

  10. ….uhmmm…. non capisco vari commenti… quindi se Gabrielli, all’epoca residente in piazza della prefettura (ma non dimorante la notte del 6… sennò sarebbe finito, come i suoi mobili, nel cortile della casa di fronte..) e dotato di precise responsabilità istituzionali prima e soprattutto dopo il terremoto, si permette di paragonare la nostra tragedia dandoci ancora addosso, non ci si può lamentare perchè… perchè… la colpa è dei rossi. dei comunisti. del festival dell’unità. di napolitano, di benigni… ma NON di gabrielli, e vivaddio, non di silvietto bello nostro. La colpa, si sa, è opposizione al bene… e che rimanga sempre all’opposizione, anche quando significa doverla opporre alla realtà stessa. e non sia mai che una responsabilità ricada su chi detiene il potere, su chi aveva ed ha le possibilità di fare le cose…

    Neanche disquisite più di lana caprina: come pappagalli tornate a lodare i santi di turno, a trovare altri colpevoli, altre versioni, aggiungere dettagli, dire che siamo tutti ladri, sciacalli, piagnoni eccetera eccetera eccetera… massì, gettiamo la croce sui più deboli.
    mi secca quasi farvi notare come, mentre voi ciarlate, le cose dalle mie parti vanno male. malissimo. tendenti al peggio. realtà, non finzione.. Evidentemente, non è così per tutti: c’è chi col terremoto ha spiccato davvero il volo. REaltà, anche questa. Di più: alcune persone hanno scritto la partitura che poi io ho dovuto interpretare… ed ora a 3 anni di distanza, adesso, ora, realmente… tornano a lamentarsi dell’esecuzione.

    Bei tempi, ve lo ricordate? quando eravamo dignitosi, esemplari nel dolore….. vero? rassicurante veder distribuire case e dentiere in tivvì. non può essere falso: falsi saranno i terremotati. ed ingrati. non può essere vero che lì è tutto ancora a terra. è colpa degli aquilani… e la realtà si perde, sfuma…
    chissà tra tre anni che colpe avranno gli emiliani………..

  11. Ormai Gabrielli ha scatenato il putiferio, ma invece di cacciarlo a pedate per il ruolo che ricopre indegnamente ci azzanniamo l’un l’altro. io dico da oggi in poi a chi critica la gente aquilana che suda e che lavora, ma soprattutto chi critica senza conoscere i sacrifici che molti di noi fanno per andare avanti e per cercare di ritrovare una vita normale dico solo: CHE VE POSSA CAPITA’ QUELLO CHE E’ CAPITATO A NOI E PO’ NON SE LAMENTETE E NON ROMPETE I COGLIONI A NESSUNO, E SOLO DOPO VI DARO’ RAGIONE, MA FINO AD ALLORA STATE MUTI…E RISPETTATE CHI DA QUELLA NOTTE NON SI E’ PIU’ RISVEGLIATO!

  12. …Fabrizio, gia capitato nel 1976, e risolto brillantemente. giustissimo lasciar riposare in pace i defunti ( per onor di cronaca 989 dalle mie parti )…….comunque sono felice per voi che abbiate un Signor Sindaco e relativa giunta che vi tuteli visto che continuate a votarlo……non capisco solamente cosa abbia fatto nel dopo Berlusconi …cari Signori ricordiamoci che NON è bello sputare in faccia a chi vi ha dato una mano perché tutto potete dire MA NON che NON siete stati aiutati……ha spostato un G8 per far vedere al mondo intero cosa era successo . Perché lo chiamate Nano???? non è bello…. vi piacerebbe essere offesi per un vostro difetto fisico????? ho deciso che verrò ad abitare ed investire a L’Aquila perché credo nella potenzialità della vostra stupenda Città.

    p.s Anonimo guarda che gli Aereoporti servono soprattutto per lo sviluppo economico….non siamo più con le locomotive a vapore .

    • non è che tutte le città d’italia hanno un aereoporto!
      bisogna usare la testa anche in questo!
      l’aereoporto all’aquila è servita per i porci comodi del nano&C, ma gli stessi fottuti soldi de sto fantasma lo poteva usare per fare una cosa relamente utile…all’aquila non a lui.

  13. In Emilia però abbiamo più soldi. I nostri enti locali hanno ancora qualche capacità di sopperire alle (vistose) carenze dell’amministrazione locale. In Abruzzo le cose vanno in maniera diversa: se i mezzi economici sono limitati, la mancanza di solidarietà diventa un dramma.

  14. al di là dei pareri discordanti e a mio avviso veri entrambi, ritengo importante ciò che hai scritto al punto 9 ” senza che ci venisse minimamente in mente di fare ancora un altro passo: entrare nelle stanze del Potere e rivoltare una volta per tutte questo schifo di Paese infame.” ma come si dice non è mai troppo tardi e credo sia proprio giunto il tempo di presidiare in modo contemporaneo tutti i luoghi del potere, per poter restituire vita ai nostri sogni.

  15. x emibio64,
    ma ancora pensi ai partiti politici ? ma non ti risulta che da destra a sinistra SONO TUTTI LADRI ? a me sembra che tu sia rimasta-o un pò indietro. qua la cosa si è fatta più seria e invece di risolvere i problemi ancora stiamo a pensare se c’era Berlusconi, se c’era tizio, se c’era Caio. per dovere di cronaca oggi quello che rideva del terremoto ha dichiarato che Bertolaso si faceva dare una mazzetta da 50 mila euro per ogni lavoro assegnato alle imprese dalla protezione civile. ma di che cosa stiamo a parlare? Noi cittadini dobbiamo vigilare sull’operato di questo o quell’amministratore ed alzare la voce se necessario. solo così se ne uscirà fuori.

  16. scusate ovviamente l’hanno tolto …ma qs è quello che diceva…l’ho copiato ed adesso lo incollo …:!!!!!!
    Monday 22 october 2012

    BREVI CONSIDERAZIONE SULLA DISTRUZIONE DELLE MENTI

    Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo sulla guerra di quarta generazione e prendiamo lo spunto per qualche considerazione sulla devastazione mentale, compiuta a danno dell’umanità e non di qualche centinaio di migliaia di individui, attuata sistematicamente attraverso televisione, giornali e cinema. Queste tecniche permettono la degradazione di qualsiasi riflessione e della libertà di pensiero e, quindi, di incanalare il dissenso come voluto dai “ padroni del vapore”.

    Le tecniche di manipolazione subliminale tendono a distruggere non solo e non tanto il messaggio percettivo ma, molto più semplicemente quello critico, facendo in modo che le coscienze possano digerire qualsiasi tipo di informazione senza sottoporla al proprio giudizio critico. Il messaggio deve passare in maniera “ innocua”, non deve essere un messaggio vero e proprio, ma un “ gioco”, un “ divertimento”, una “ azione” in un film. Così facendo il soggetto si sente immune dai messaggi, nonostante ne riceva a migliaia, e non si accorge di essere manipolato. Questa tecnica è detta subliminale proprio perché “ nascosta” e subita involontariamente , di fronte alla quale cadono tutte le barriere di difesa del pensiero.

    Questa tecnica ha ottenuto un successo immediato grazie a due fattori preponderanti:

    a) La diffusione massiva della televisione e delle informazioni via etere che permettono di raggiungere anche quella parte di popolazione che prima era difficilmente “ contattabile” dalla carta stampata

    b) Il crollo dell’antagonista bolscevico sostituito con il “ pensiero unico”

    Praticamente si debbono bombardare le menti con una valanga di informazioni, tutte false e facilmente smascherabili con una analisi critica, passandole per vere: mode, costumi, tendenze, ideologie, alimentazione, comportamenti, ect.

    Le condizioni perché tutto ciò abbia successo sono identificabile nella espansione su una larghissima massa di individui e che siano chiaramente individuati i “ punti di difesa” delle menti e bypassati per poter operare tranquillamente.

    Come ci ricorda Sermonti una delle prime condizioni fu l’ “accordo del Waldorf”. Prima di tale accordo , con una sentenza emessa dalla Suprema Corte USA nel 1930, si sanciva la piena libertà di espressione artistica e, di conseguenza, la cinematografia non sarebbe rientrata nelle regole del Primo Emendamento.

    Si scatenò l’inferno. La cinematografia non era più sotto controllo. Fu allora che in base al già citato “ accordo di Waldorf” ( 1947) nessun film e telefilm poteva essere messo in circolazione senza l’assenso del Governo USA e così il gioco è fatto. E la regola, conseguentemente, è stata esportata anche in Europa.

    Il secondo passo fu la diffusione massiccia della pubblicità che, si badi bene, non ha come scopo ultimo quello di far preferire un prodotto ad un altro, ma di insinuare nelle menti degli imbecilli il concetto di “ benessere”, la convinzione che tutto può essere comprato con il denaro, pertanto la maggiore felicità nella vita è accumulare denaro con qualsiasi mezzo, lecito e meno lecito. Passata questa “ visione della vita” è stato abbastanza facile far digerire il teorema che l’economia è tutto, che ha il potere su qualsiasi altro dominio dello scibile umano.

    La persuasione politica è molto più facile da applicare. E’ necessario basarsi sulla ripetitività di un qualsiasi messaggio, senza, naturalmente, diffonderne uno contrario, ed è tanto più efficace quanto più sembra banale, innocua, indolore, passa così come se niente fosse, come bere un bicchier d’acqua.

    Con questi sistemi si è creato l’uomo come i signori del denaro volevano che fosse: un tipo umano totalmente incapace di usare le risorse che gli servono, sovraccaricandolo di beni fittizi e vacui, per procurarsi i quali deve essere totalmente dipendente dal sistema capitalistico che ci stanno imponendo.

    Mangia, lavora e defeca: non devi far altro, devi essere uno “ strumento” di produzione nelle nostre mani, devi darti da fare per aumentare i conti in banca dei finanzieri usurai e tecnocrati: tutto qui.

    Il controllo consumistico si è esteso dai beni materiali anche alla salute: devi essere longevo in maniera che puoi consumare più medicinali possibili, utili, pochi, e non utili, molti.

    Questo breve scritto è dettato solo ed esclusivamente per accennare, e molto brevemente, il problema. Se si vuole fare una vera azione politica si deve studiare l’argomento, iniziarlo a dibatterlo nelle nostre piccole comunità locali, studiarlo, prepararsi e, quando ci si sente pronti, iniziare a fare una opera di disinformazione con la nostra cerchia di conoscenti, che, poi, passo dopo passo, si estenderà. E’ assolutamente inutile distribuire volantini, gridare in piazza, se, prima, non si cerca di renderci e rendere immune l’uomo da questi condizionamenti che devastano il cervello e la nostra capacità critica.

    Il sistema che hanno creato, la dittatura del denaro, non è arrivato per caso: ci stanno lavorando da tempo e, per poterlo portare fino alla sue estreme conseguenze, debbono distruggere le menti.

    L’uomo, ridotto ad automa, è quello di cui hanno bisogno. Un uomo totalmente svincolato dalle meravigliose e vertiginose profondità dell’essere, un uomo il cui fine ultimo sia il solo soddisfacimento delle budella.

    Ora tocca a noi darsi da fare.

    Claudio Marconi

  17. detto che il quinto punto l’avrei omesso visto che ci saranno sempre ladri,assassini ecc. non capisco di cosa ti lamenti!tutto ciò di cui parli è conseguenza diretta della democrazia,non sono i cittadini a decidere come amministrare la cosa pubblica ma le persone dagli stessi eletti!quello che è successo a l’aquila è ciò che accade quotidianamente in italia;nella nostra città è solo enfatizzato dal fatto che,essendo una zona che vive quasi esclusivamente grazie ad attività pubbliche, gli amministratori hanno un maggiore potere e quindi gli risulta più facile perseguire gli interessi di alcuni!tutto qui!io fossi in te mi focalizzerei più sul perchè ciò accade!sul come siamo arrivati a questo punto!
    ciao

  18. non credo che saresti uscito fuori tema,credo che sia esattamente questo il punto della questione,la logica che muove tutto, o quasi, ciò che accade in italia.comunque la scelta è tua.
    p.s. posteresti il link?sono curioso di sapere come la pensi.

  19. ancora non mi è ben chiaro il tuo pensiero,se non quello superficiale, comunque complimenti per il racconto,appassionante!si legge tutto di un fiato!ancora complimenti!
    ciao.

    • Credo che L’Aquila si l’Italia tra qualche anno.
      Credo che qui si è manifestato in tutta la sua virulenza il cancro che massacra questo Paese, fatto di una politica nazionale affaristica e mafiosa e di una politicuccia locale provicialistica e mafiosa.
      Il male è la cultura mafiosa ormai profondamente radicata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...