τραγῳδία – Tragedia

τραγῳδία – Tragedia

Ho due anni in più al calendario,

quasi venti accovacciati sulle spalle.

 

Non ricordo più cosa sia successo,

ma ne percepisco tutto il tragico peso.

 

Ma non è una tragedia che è avvenuta,

è Madre Natura che c’ha solo strigliato un po’

.                                                       le orecchie.

 

Il canto del capro è una gara solo umana.

 

Ogni uomo s’è fatto coreuta, indossando

la rispettiva maschera dalle caprine sembianze.

 

Folti pizzetti e corna ricurve sopra cravatte strette,

occhi spaccati dietro lacrime troppo illuse e colpevoli.

 

Il Tempo si è trasformato così in un tempo assoluto,

hic et nunc” scandiscono la nuova realtà alternativa

–         la       nostra        realtà        surrogata          –

 

Il canto della dignità è un’ode solo divina.

02/04/2011