#3 Emilia: un terremoto minore

Se anche mio nonno, nel chiedermi come è andata in Emilia, esordisce dicendo: «Ma non stanno messi come noi?», alludendo in questo modo ad un paragone tra le conseguenze dei due terremoti, emiliano e aquilano, vuol dire che non solo l’informazione mediatica ha miseramente fallito, ma anche che abbiamo fallito noi (aquilani in primis) come fruitori di tale informazione, ormai inebetiti dal pensiero dominante. Non è certo mio nonno il metro di giudizio per questa mia considerazione, ne è solo l’anello culminante. Tutti gli aquilani con cui ho avuto modo di parlare in questi giorni mi hanno fatto la stessa domanda: «Ma mica stanno messi come noi?».

palazzo di tre piani crollato

#3 Emilia: un terremoto minore.

Un tale comportamento non me lo sarei mai aspetto da un aquilano. È paradossale. Perché abbiamo la necessità di fare un paragone tra noi e loro? O peggio, perché abbiamo la necessità di sapere che il “nostro” terremoto è stato più distruttivo del “loro” terremoto? È come se essere certi che in Emilia ci sono stati meno danni ci rendesse più tranquilli. Una misera consolazione, moralmente parlando. Certo ci sono state meno vittime (29 vs 309) e non è stato colpito un grande centro storico cittadino, ma comunque un centro industriale nevralgico oggi rischia il collasso, il raggio del cratere sismico è di almeno 50 chilometri e comprende quattro province, gli sfollati (facendo un rapido conto dei paesi colpiti) superano abbondantemente le 100.000 unità, sono stati dichiarati “zona rossa” una ventina di centri storici. È incredibile, È come sapere di essere più terremotati ci faccia conservare la nostra leadership di sfigati. È come se fosse messa a rischio la nostra stessa identità. È come se (e mi vergogno anche solo a scriverlo) sapere che noi aquilani “stiamo messi peggio” ci garantisca una posizione di privilegio quando dovremo andare a bussare alla cassa del principale, del Governo, e alle tasche di tutti gli Italiani.

Spero di essere stato troppo duro e affrettato nel mio giudizio, ma non riesco a vederci altra spiegazione. L’unica giustificazione a questo comportamento la trovo, come detto, nell’informazione, nella scarsa, impreparata, asservita, degenerata informazione mediatica nazionale. L’impressione media è quella che siano caduti quattro orologi, sette campanili, qualche decina di fabbriche (di cui la maggior parte produceva Parmigiano…). E invece i danni ci sono e sono anche ingenti. La mia impressione, voglio essere onesto, è che possano essere danni quantitativamente inferiori a quelli dell’Aquila, cioè nel numero degli edifici, ma qualitativamente sono esattamente i medesimi. Ci sono edifici crollati, pilastri spezzati, le famigerate croci di Sant’Andrea, tutte le chiese (ma conta poco) danneggiate, oltre cento edifici scolastici inagibili, e centinaia, se non migliaia, di fabbriche che hanno interrotto la loro produzione. I primi dati sullo stato degli edifici che ho trovato in rete dice:
«(AGI) – Bologna, 13 giu. – Le strutture già controllate nella regione con scheda Aedes (ovvero controlli più approfonditi), invece, sono 6.994: di queste, 2.623 sono state classificate agibili, 1.203 temporaneamente inagibili ma agibili con provvedimenti di pronto intervento, 394 parzialmente inagibili, 95 temporaneamente inagibili da rivedere con approfondimenti, 2.318 inagibili e 361 inagibili per rischio esterno, ossia a causa di elementi esterni pericolanti il cui crollo potrebbe interessare l’edificio. Anche in Lombardia, informa la Protezioen civile, sono state eseguite verifiche approfondite in 413 edifici.»

Del resto, se chiedi a qualsiasi italiano come sta L’Aquila a tre anni dal terremoto ti risponde che l’hanno ricostruita. Del resto, siamo abituati a berci qualsiasi cazzata ci proponga la televisione. Del resto, in fin dei conti, ognuno ha i cazzi propri a cui badare, la crisi, la scandalosa Nazionale degli scandali, lo spread e drastiche misure (indemocratiche) adottate dal Governo tecnico della Repubblica Italiana democratica “affondata sui lavoratori”. Del resto, per quanti social network ci fregiamo di usare, ha ragione Bruno Latour quando quando dice che “Non siamo mai stati moderni”. Non riusciamo ad avere una visione di insieme, globale, siamo ancora attaccati al nostro orticello, e alle nostre misere identità (dicotomiche: “lui è cattivo perché io sono buono”). Del resto, e qui chiudo, lo Stato di Israele, il popolo martirizzato per eccellenza, sta commettendo un genocidio ai danni del popolo palestinese da mezzo secolo, sotto l’occhio impassibile del telespettatore medio mondiale.

15/06/2012

Chiappanuvoli

Succhiare il sangue alla realtà – “Draquila” – Recensione

Il documentario Draquila della Guzzanti e la propaganda governativa a confronto, analisi sociologia degli eventi di questi giorni e dell’ultimo anno trascorso.

Ho visto il documentario della Guzzanti e ritengo che sia fatto sostanzialmente bene. Il mio giudizio nel complesso è sufficiente. Rispecchia la realtà che si respira qui a L’Aquila ma che sfugge ai più. Non è questo tuttavia il punto della questione. Il problema è un altro ed è assai profondo, affonda le sue radici nella società contemporanea italiana e nei ruoli dei soggetti coinvolti. Le critiche che i “non andrò a vedere Draquila” rivolgono all’artista sono, di fatto, banali ed inconsistenti, si limitano alla presunta strumentalizzazione operata nel documentario, allo sciacallaggio mediatico e ad un vago rimprovero: “dov’era la Guzzanti (artista) il 6 aprile notte?”.

Comincerei da questo ultimo punto. L’anno scorso alle 3:32 della notte la Guzzanti è colpevole di essere stata nel suo letto a dormire. Effettivamente sarebbe potuta venire a L’Aquila a dare una mano, a dare coperte e primi soccorsi a noi aquilani. Avrebbe trovato una città colpita, ferita e sola ad aspettarla. Per chi c’era in centro il 6 aprile dovrebbe ricordarsi che i primi soccorsi, comunque preziosissimi, sono arrivati alcune ore più tardi, dopo le telecamere. Non si vuole qui fare polemica sterile, è tempo andato, la situazione era terribile. Si vuole invece sottolineare che nessun aquilano era pronto al peggio e, prima di chiedermi dove fosse un artista di spettacolo, mi chiederei dove fosse la prevenzione. Dove fossero le autorità, dove fossero i politici, dove fossero gli esperti che non hanno messo in preallarme la popolazione il 31 marzo, dove fossero le esercitazioni antisismiche, dove fossero i luoghi adibiti in caso di emergenza.

Per quanto riguarda lo sciacallaggio mediatico, la Guzzanti è in ottima compagnia. Durante il mio volontariato molti giornalisti non hanno esitato a chiedermi di parlare con i “casi umani”, giornalisti RAI e Mediaset. Chiunque ha sciacallato la nostra sofferenza, non posso non ricordare la giornalista di Matrix che svegliava i terremotati che dormivano in macchina. Ma non è questo il punto. Il punto è che siamo tutti vittime di un’informazione esasperata da reality, in cui lo scoop vince sul fatto di cronaca. La causa è la nostra perversione recondita, ormai indifferenti al dato di fatto, ci lasciamo tutti prendere dal carattere emotivo di ciò che vediamo. Non se ne può fare una colpa alla Guzzanti che ovviamente “sfrutta” la situazione, ma con estrema partecipazione. Avete visto il suo viso contrito, i suoi capelli spettinati? Da agosto la Guzzanti ha vissuto con noi, in mezzo a noi, ha respirato la nostra polvere.

La strumentalizzazione, infine. Bastano due esempi lampanti. Il G8 e la consegna della prime case, quelle di Onna. Il nostro governo per tramite del nostro premier ha portato per primo l’attenzione mondiale a L’Aquila, ma non in maniera legittima e disinteressata. Il G8, la preannunciata manna dal cielo per L’Aquila, si è rivelata un flop. I soldi dei grandi del mondo non sono arrivati. Di contro Berlusconi ha potuto mostrare, con abile utilizzo questa volta sì del montaggio del montaggio, ciò che voleva, tutti i lati positivi del suo intervento, che ci sono stati, ma lasciando in ombra tutte le difficoltà, le sofferenze di una popolazione relegata in tendopoli da ormai 4 mesi. Le comparse, ossia le autorità locali, non hanno fatto nulla per portare l’attenzione suoi problemi reali. 15 settembre, Onna, consegna delle prime case costruite con i soldi della Croce Rossa Italiana dalla provincia di Trento. Improvvisamente, per i ritardi nella costruzione del piano C.A.S.E., quelle case erano state costruite dal Governo Italiano, nulla di più falso. Non è questa una strumentalizzazione? Sul palco, alla consegna, la provincia di Trento non è stata neanche invitata, c’erano solo Berlusconi, Bertolaso e monsignor Molinari.

La questione di fondo sono i ruoli. Il ruolo dell’artista è quello di interpretare la realtà, assorbirla, metabolizzarla e riversarla in un’opera. Per quanto l’artista si sforzi di essere oggettivo, il prodotto finale è sempre una visione soggettiva. Ma questa è l’arte, da sempre, da quando si è iniziato a disegnare sulla pareti della caverne. Lo Stato invece non può permettersi di dare versione artistiche della realtà. Lo Stato è espressione del popolo, non deve dare una versione dei fatti ma rappresentare la versione che il popolo stesso gli dà. Lo Stato è garante del volere e delle impressioni del popolo. Il ruolo dello Stato e dei “suoi” apparati informativi è quello di essere portavoce, rappresentante della realtà, nel bene e nel male. Altrimenti, l’informazione prende a chiamarsi, giustamente, propaganda.

Se proprio volessimo trovare difetti al documentario della Guzzanti, non è da un punto di vista distorto e parziale che si deve partire. Le critiche che si possono rivolgere alla Guzzanti sono altre. In particolare tre. 1) La strumentalizzazione dell’evento catastrofico dell’Aquila, se si manifesta, c’è nell’accanimento contro il Governo, Berlusconi e Protezione Civile che risulta forse esasperato. Pur essendo personalmente d’accordo con ogni parola affermata in Draquila, il bipolarismo “terremoto-Berlusconi” risulta più focalizzato sul secondo. 2) Da ciò ne risulta che l’immagine del Governo-Premier-Bertolaso-nemico risulta eccessivamente enfatizzata. Pare un soggetto etereo, irraggiungibile, metafisico, quando invece trattasi di null’altro che persone, di nostri rappresentanti politici e la politica, va ricordato, è la conduzione della realtà sociale. 3) Il documentario, a causa di questo squilibrio, è costretto anche a dare poco spazio alle alternative. L’impressione finale ti lascia sgomento: “la situazione è troppo grande, è troppo grave, non si può far nulla”. Lo spettatore è accompagnato nella nostra realtà e rimesso, alla fine, nello medesimo posto, nello punto iniziale. Le alternative invece ci sono, si sono prodotte, dai comitati, dai singoli cittadini, dai politici stessi, ma, fatta eccezione per le case di legno ed i container, non se ne fa cenno.

Il consiglio con cui vi lascio è il seguente, prima di aprire bocca e dar fiato, prima di criticare l’operato altrui, bisognerebbe sempre controllare dove sono collocati i nostri piedi. Il rischio è quello di essere strumentalizzati, questa volta davvero e senza possibilità di rimedio.

Va ricordato infine che la signora Sabina Guzzanti ha donato svariate migliaia di euro per la realizzazione del villaggio ecosostenibile di Pescomaggiore, oltre ad aver trascorso quasi un anno a L’Aquila.