‘Na cosa

DSC_1080 copia

Tini presende quanno che po’ te sinti entro ‘na cosa
come dde…come che te tira tuttu da ‘nu latu
e te schiaccia ju core che te pare quasci de murì,
però non mori mica, te manca lo fiato, quesso scì,
ma non mori, te ne risti ‘mpalatu come ‘nu fessa,
proi a guardà, a ‘ntende que te sta a succede
ma non ci capisci gnienti, è ‘na cosa che non se spiega,
e allora te lassi ji, que tantu, lo sà, la vita è fatta llucì,
non tutto è fattu pe’ esse capitu e noi, noiatri
non semo de quigli capisciuni che capisceno tuttu,
noiatri semo gente semblice, noiatri
tenemo la coccia tutto sendimendo, ste cose, noiatri,
le tenemo seguì, ci jamo arrete senza penzà,
costi quel che costi, ché ce lo semo ‘mbaratu che
“non se fa la pelle deju lupe senza quela deju ca’”.
E ji, ‘nzomma, la so seguita, mi ci so’ missu appressu
come ‘na creatura appesa a ‘nu sisu, e
‘na ote que la so’ pijata, que la teneo stretta,
come acqua entr’alle mano, la so vista, la so vista bona e –
oh, quebbisc’imbisu! – quela cosa era ‘nu visu.
Era propri ‘nu visu, era,
era solo ju visu mé que,
jornu dopu jornu,
me parea diventà
sembre chiù come ju te.

22/09/2014

Chiappanuvoli