Nuoto indoor nella stazione spaziale (Eluvium – video)

prima di leggere si consiglia di avviare il video

Eluvium – “Indoor swimming at the space station”

Venti da nubi frusciano alle orecchie mie

tasti bianchi e neri pigiati su archi di mare.

Nascondo bene il solito freddo del cuore

tra denti e anime sparse e parole moleste

e lunghi silenzi e trasparenti occhi e te.

Gioco a nascondermi, che nessuno mi veda,

torno bambino e per nonna è pronta la cena.

Rimango in silenzio tra i rami di rovi,

verde speranza come il verde quietanza:

estinguere ogni debito, pur consci del rischio

–                                                               di marcir da soli,

o seguitare nascosti, condannandosi comunque

–                                                                      ad esistere soli?

Cala la luce e uno schizzo ne resta sui monti,

col gelo e la fame presto avrò da fare i conti.

Tu, piccolo bimbo, disegna beato su nuovi sfondi,

nasconditi nel seno e che il latte sempre abbondi,

ma sappi che un giorno, poi non tanto lontano,

quella stessa domanda ti ritroverai nella mano:

“estinguere ogni debito, pur consci del rischio

–                                                               di marcir da soli,

o seguitare nascosti, condannandosi comunque

–                                                                      ad esistere soli?”

La luna ed il sole, come la metti metti,

dentro la clessidra, son solo i granetti.

17/03/2010

Annunci