Hello Scotland – (EF + foto)

Scotland, Dunollie Castle

City streets, late spring,
Where smoke covers everything:
That’s where we push our eyes,
In front of ourselves.

For being true, for being hurt.

City streets in late spring,
Where smoke covers everyone and everything.
Heavy winds won’t bother us,
It won’t break no trees, it won’t break no bones.

Heavy winds: it won’t break no trees, it won’t break no bones.

Strade della città, tarda primavera,
Dove il fumo copre tutto:
È lì che spingiamo i nostri occhi,
Di fronte a noi stessi.

Per essere veri, per essere feriti.

Strade della città in tarda primavera,
Dove il fumo copre tutto e tutti.
I venti pesanti non ci daranno fastidio,
Non si romperà nessun albero, non si romperà nessun osso.

Venti pesanti: non si romperà nessun albero, non si romperà nessun osso.

Isle of Skye, Kyleakin

Chiappanuvoli

Annunci

Letteralmente Blu (The Calm Blue Sea – Literal)

Literal (testo e traduzione)

I haven’t dreamed,
even in darkness,
sides split with ease,
when you’re just talking,
(line of gibberish),
you were so literal.

Non ho sognato,
neanche al buio,
i lati divisi con facilità,
quando stai solo parlando,
(la linea dell’incomprensibile),
eri così letterale.

Herpes a grandi respiri
davanti striature blu
pioggia d’alberi scorreva

lingue di labbra addormentate

lucegrafia mnemonico-oculare

inchini di capolino melanconici
tutto quello non era dritto
sottomesso – regole ipertrofiche

blu

gareggiano ancora le gocce sul vetro
a chi muore prima
letteralmente

come se
l’acqua potesse morire

tra il tuo riposo e la mia guida non più che un pugno di marce

letteralmente sentivo

il limite massimo dell’incomprensibile

la macchina era solo un profondo mare blu

eri così letterale
nel fondo buio blu
sogno ancora.

21/06/2012

Chiappanuvoli

24 Hours – Joy Division

24 Hours

So this is permanence, love’s shattered pride
What once was innocence, turned on its side
Grey cloud hangs over me, marks every move
Deep in the memory of what was love

Oh, how I realised, I wanted time
Put in perspective, tried so hard to find
Just for one moment, thought I’d found my way
Destiny unfolded, watched it slip away

Excessive flashpoints, beyond all reach
Solitary demands for all I’d like to keep
Let’s take a ride out, see what we can find
A valueless collection of hopes and past desires

I never realised, the lengths I’d have to go
All the darkest corners of a sense I didn’t know
Just for one moment I heard someone call
Looked beyond the day in hand, there’s nothing there at all

Now that I’ve realised how it’s all gone wrong
Got to find some therapy, this treatment takes too long
Deep in the heart of where sympathy held sway
Got to find my destiny before it gets too late

24 Ore

Quindi questa è la permanenza, l’orgoglio in frantumi d’amore

Quello che una volta era l’innocenza, si è girata su un fianco

Una nuvola grigia si blocca su di me, marchia ogni movimento

Nel profondo del ricordo di ciò che era l’amore

 

Oh, come ho capito, ho voluto tempo

Ho messo in prospettiva, ho provato così tanto a cercare

Solo per un attimo, ho pensato di aver trovato la mia strada

Il destino dispiegato, l’ho visto scivolare via

 

Focolai eccessivi, al di là di ogni distanza

Richieste solitarie per tutti mi piacerebbe mantenere

Facciamo un giro fuori, vediamo cosa possiamo trovare

Una collezione senza valore di speranze e desideri del passato

 

Non ho mai capito, i tratti che avrei dovuto percorrere

Tutti gli angoli più bui di un senso che non conoscevo

Solo per un attimo ho sentito la chiamata di qualcuno

Ho guardato oltre il giorno nella mano, non c’è proprio nulla

 

Ora che ho realizzato quanto tutto è andato storto

Devo trovare qualche terapia, questo trattamento richiede troppo tempo

Nel profondo del cuore dove la simpatia dominava

Devo trovare il mio destino prima che sia troppo tardi

Chiappanuvoli

Not For Want of Trying

Not For Want of Trying

Il Quinto Potere dei Maybeshewill

Di seguito il testo, un campionamento del monologo del film Il Quinto Potere (Network) di Sidney Lumet del 1976:

«Everybody knows things are bad. Everybody’s out of work or scared of losing their job. The dollar buys a nickel’s worth… banks are going bust… shop-keepers keep a gun under the counter… punks are running wild on the street and there’s nobody anywhere that seems to know what to do. And there’s no end to it. We know the air is unfit to breathe, our food is unfit to eat… we sit watching our T.V.s while some local newscaster tells us that today we had fifteen homicides and sixty-three violent crimes — as if that’s the way it’s supposed to be!

We know things are bad; worse than bad. They’re crazy! It’s like everything, everywhere is going crazy. So, we don’t go out anymore; we sit in the house and slowly the world we’re living in is getting smaller and we say: Please, at least leave us alone in our living rooms… let me have my toaster and my T.V. and my steel-belted radials and I won’t say anything — just leave us alone.

But I’m not gonna leave you alone… I want you to get mad!

I don’t want you to protest and I don’t want you to riot or write your Congressman, because I wouldn’t know what to tell you to write. I don’t know what to do about the depression and the inflation and the Russians or the crime in the street. All I know is that first you’ve got to get mad… you’ve got to say: I’m a human being — Goddamn it — my life has value!

I want you to get up now, I want all of you to get up out of your chairs. I want you to get up, right now, and go to the window — open it and stick your head out and yell: I’M AS MAD AS HELL AND I’M NOT GOING TO TAKE THIS ANYMORE!»

Ecco il monologo nella pellicola in Italiano:

Chiappanuvoli

Pseudonyms – Gregor Samsa

Gregor Samsa, Pseudonyms

Murderous art has its grips on me – can’t wrap myself around internally. I can’t seem to put my name on anything. Our innocence yields to American dreams. Our innocence yields to pathetic conceit. Our innocence yields when our pocket’s empty.

L’arte assassina sta facendo presa su me – non posso avvolgermi internamente. Non può sembrare che metto il mio nome su ogni cosa. La nostra innocenza si arrende ai sogni americani. La nostra innocenza si arrende alla presunzione patetica. La nostra innocenza si arrende quando la nostra tasca è vuota.

The softest hearts break when the deed is done. I’ll patiently wait for new days to come, then I’ll wake and rise to write another song. Our innocence yields when we do it alone. The exodus begins now. I’ll travel ‘round and find you once more. You’re reaching out less than before, but I know you’re there.

I cuori più teneri si rompono quando l’azione è fatta. Aspetterò pazientemente nuovi giorni a venire, allora mi sveglierò e mi alzerò per scrivere un’altra canzone. La nostra innocenza si arrende quando lo facciamo da soli. L’esodo inizia ora. Viaggerò e ti troverò una volta ancora. Si sta raggiungendo meno di prima, ma so che sei lì.

Chiappanuvoli